Utilizziamo cookie tecnici e analitici e, previa manifestazione del consenso, cookie di profilazione di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Per prestare il consenso, premere ok
Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
CESSIONE DEL CREDITO: CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE N.11/E DEL 18/05/2018 - news - Fiscale - Confartigianato Ravenna

21.05.18: CESSIONE DEL CREDITO: CIRCOLARE AGENZIA DELLE ENTRATE N.11/E DEL 18/05/2018 - news - Fiscale

La circolare dell’Agenzia delle Entrate n.11/E del 18 maggio us ha fornito chiarimenti in merito ai soggetti che possono cedere il credito per interventi di riqualificazione energetica su edifici esistenti, ma siamo ancora in attesa della pubblicazione (che dovrebbe essere imminanete) del provvedimento che detterà le modalità operative della cessione del credito a decorrere dal 2018.

 

Più precisamente, la circolare ha previsto la possibilità di cedere il credito d’imposta ai seguenti soggetti:

Ø  ai fornitori che hanno effettuato l’intervento;

Ø  ad altri soggetti privati, intendendosi, oltre alle persone fisiche, anche i soggetti che esercitano attività di lavoro autonomo o d’impresa, compresi organismi associativi, consorzi e società consortili, anche se partecipati da soggetti finanziari, ma non in quota maggioritaria e senza detenerne il controllo;

Ø  alle Energy Service Companies (le cosiddette “Esco”), ovvero società che effettuano interventi per l’efficientamento energetico, accettando un rischio finanziario;

Ø  alle Società di Servizi Energetici (Sse) che offrono servizi integrati per la realizzazione e l’eventuale successiva gestione degli interventi di risparmio energetico.

 

Viene però ribadito, il divieto di cessione diretta a società finanziarie, fatta eccezione per i casi in cui il contribuente cedente sia un soggetto no tax area, unico caso nel quale la legge ammette l’eventuale cessione a banche e intermediari finanziari.

 

Inoltre, la circolare fornisce due importanti precisazioni:

Ø  la cessione del credito è limitata ad una sola eventuale cessione successiva a quella originaria;

Ø  per “altri soggetti privati” ai quali può essere ceduto il credito devono intendersi quelli diversi dai fornitori, ma comunque collegati al rapporto che ha dato origine alla detrazione.

 

Gli uffici fiscali dell’Associazione restano a disposizione per ulteriori chiarimenti.