Utilizziamo cookie tecnici e analitici e, previa manifestazione del consenso, cookie di profilazione di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Per prestare il consenso, premere ok
Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
LA PREOCCUPAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI IMPRENDITORIALI PER LE SCELTE DEL GOVERNO SULL'ESTRAZIONE DEL METANO - news - Ufficio sindacale - Confartigianato Ravenna

29.01.19: LA PREOCCUPAZIONE DELLE ORGANIZZAZIONI IMPRENDITORIALI PER LE SCELTE DEL GOVERNO SULL'ESTRAZIONE DEL METANO - news - Ufficio sindacale

Le principali Organizzazioni imprenditoriali della provincia di Ravenna, con un comunicato, hanno ancora una volta espresso tutta la loro preoccupazione per l’approvazione dell’emendamento al decreto Semplificazioni con il quale il Governo ha definito la sospensione di 18 mesi dei permessi per ricerca e prospezione di idrocarburi, così come l’aumento dei canoni di concessione di 25 volte.

'È una misura che penalizza fortemente l’economia del territorio ravennate, oltre a quello regionale e come rappresentanti delle imprese, in accordo con quanto affermato anche dalle istituzioni locali, non possiamo che esprimere una forte preoccupazione. In gioco c’è il lavoro e, quindi, il futuro di centinaia di persone e la sopravvivenza di un settore, quello delle estrazioni e dell’indotto di riferimento, che è un fiore all’occhiello del Paese, con progettisti, maestranze, tecnici riconosciuti di valore internazionale'.

Le associazioni chiedono al Governo di 'ripensare a questa misura che tra gli altri effetti negativi, avrebbe quello di mettere a rischio gli investimenti già programmati nel triennio 2019-2020 di Eni, 2 miliardi per l’estrazione del gas naturale che avrebbero avuto una ricaduta importante non solo sul territorio ravennate ma più in generale a tutta l’economia italiana. «I dati mondiali sulla crescita non sono incoraggianti e per l’Italia si sta già profilando l’ipotesi di un periodo di recessione. Non è il momento di frenare le attività industriali che sono in grado di generare ricchezza e benessere'.
 
A tal proposito Agci, Ascom, Cna, Confagricoltura, Confartigianato, Confcooperative Ravenna - Rimini, Confindustria Romagna, Confimi, Copagri e Legacoop Romagna, firmatarie del comunicato,sostengono l’invito del Sindaco di Ravenna, Michele De Pascale, rivolto al Governo, al Presidente del Consiglio e ai Ministri competenti, a venire a Ravenna per incontrare, sul tema, le istituzioni locali, le aziende, i lavoratori nonché le associazioni imprenditoriali.