Utilizziamo cookie tecnici e analitici e, previa manifestazione del consenso, cookie di profilazione di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Per prestare il consenso, premere ok
Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
NUOVO BANDO REGIONALE PER INVESTIMENTI PRODUTTIVI - news - Confartigianato Ravenna

17.05.18: NUOVO BANDO REGIONALE PER INVESTIMENTI PRODUTTIVI - news

Ritorniamo sul tema dei contributi a Fondo perduto e finanziamenti garantiti per le PMI: la Regione Emilia Romagna, ha infatti stanziato 30 milioni di euro per rafforzare la competitività, agevolare l'accesso al credito e attivare investimenti stimati in 120 milioni di euro. Le imprese potranno accedere a finanziamenti a medio e lungo termine erogati dal sistema bancario, con garanzia diretta dei Confidi e controgaranzia di Cassa depositi e Prestiti (fondo EuReCa). 
 
SCHEDA SINTETICA
 
FINALITÀ
Progetti di investimento finalizzati ad accrescere la competitività e l’attrattività del sistema produttivo, anche nell’ottica dello sviluppo sostenibile, e a favorirne i percorsi di consolidamento e diversificazione.
 
TIPOLOGIA E MISURA DEL CONTRIBUTO
Contributi a fondo perduto pari al 20%della spesa ammissibile, a fronte di investimenti realizzati tramite il ricorso a finanziamenti a medio/lungo termine e assisiti dalla garanzia diretta rilasciata da uno dei consorzi fidi Regionali con controgaranzia di Cassa Depositi e Prestiti (Fondo EuReCa).
 
Il contributo è aumentato del 5% per progetti:
- che prevedono un incremento occupazionale;
- presentati da imprese femminili e/o giovanili;
- presentati da imprese con rating di legalità.
 
Il contributo è aumentato di un ulteriore 10% nel caso in cui le sedi operative o unità locali oggetto degli interventi siano localizzate nelle aree montane della Regione, oppure nelle aree 107.3. c. Queste ultime a condizione che tale premialità sia inserita nei criteri di priorità dal Comitato di sorveglianza del POR FESR 2014/2020. Le aree 107 3 c sono le seguenti: Piacenza (in parte), Monticelli d’Ongina, Caorso, Ferrara (in parte), Masi Torello, Ostellato, Comacchio.
Importo massimo di contributo € 150.000 Euro, anche in presenza delle premialità.
 
Regime di aiuto
 “De minimis”
 
Cumulo dei contributi
Gli aiuti previsti dal presente bando non sono cumulabili, per le stesse spese, con altri aiuti pubblici classificabili come aiuti di stato ai sensi della normativa comunitaria, ad eccezione del contributo sotto forma di controgaranzia prestato da CDP.
 
Interventi ammissibili
Investimenti produttivi ad alto contenuto tecnologico che, attraverso un complessivo ammodernamento degli impianti, dei macchinari e delle attrezzature, siano idonei a favorire l’innovazione di processo, di prodotto o di servizio e abbiano ricadute positive su uno o più dei seguenti aspetti:
- il miglioramento dei tempi di risposta e di soddisfacimento delle esigenze dei clienti;
- il supporto all’adozione delle tecnologie abilitanti nei processi produttivi;
- la riduzione degli impatti ambientali dei sistemi produttivi, anche attraverso:
o interventi di riduzione del consumo di materie prime ed altre risorse;
o interventi di riduzione dei consumi energetici aziendali;
o interventi di riduzione dell’impiego di sostanze pericolose;
o interventi di riduzione di rifiuti;
o interventi di riduzione delle emissioni inquinanti;
o Interventi che favoriscano il reimpiego, degli scarti di produzione;
- Il miglioramento della sicurezza delle imprese e dei luoghi di lavoro.
 
Gli interventi agevolabili devono essere effettuati in una o più sedi operative o unità locali localizzate nel territorio della Regione Emilia-Romagna con uno dei codici Ateco 2007 della Strategia di specializzazione Intelligente (S3), primari o secondari indicati, nell’allegato 1 al bando.
 
Non sono ammissibili interventi che hanno ad oggetto la realizzazione di impianti per la produzione di energia, anche da fonte rinnovabile.
 
Spese ammissibili
a) macchinari, beni strumentali, attrezzature, impianti funzionali alla realizzazione del progetto,
comprese soluzioni che consentano un miglioramento dell’efficienza energetica
b) beni intangibili quali brevetti, marchi, licenze e know how atte ad ottimizzare i processi produttivi e industriali;
c) hardware, software, licenze per l’utilizzo di software, servizi di cloud computing;
d) opere murarie ed edilizie strettamente connesse alla installazione e posa in opera dei macchinari, beni
strumentali, attrezzature e impianti (max 5% della somma delle spese indicate alle lettere a, b, c);
e) servizi di consulenza specializzata per la realizzazione del progetto e per la presentazione e
gestione della domanda di contributo. (max 15% della somma delle spese indicate alle lettere a, b, c, d)
 
Importo del progetto
I progetti dovranno avere una dimensione di investimento compresa tra € 40.000,00 ed € 500.000,00.
 
Beneficiari
Le PMI operanti nei settori di attività economica Ateco 2007 della Strategia di specializzazione Intelligente (S3) indicati nell’allegato 1 al bando e coerenti con le finalità dello stesso.
 
Modalità di presentazione
Bando a sportello con valutazione continua e chiusura anticipata in caso di esaurimento risorse
 
Termini di presentazione
1° FINESTRA: dalle ore 10.00 del giorno 5 giugno alle ore 13.00 del giorno 19 luglio 2018;
2° FINESTRA: dalle ore 10.00 del giorno 4 settembre 2018 alle ore 13.00 del giorno 28 febbraio 2019.
 
Realizzazione e conclusione dei progetti
 
Domande 1° finestra: dalla data di presentazione della domanda ed entro 10 mesi decorrenti dalla data del provvedimento di concessione del contributo
 
Domande 2° finestra: dal 1 gennaio 2019 ed entro 10 mesi decorrenti dalla data del provvedimento di concessione del contributo e non oltre la data del 31/12/2109
 
Cronoprogrammi
Domande 1° finestra: almeno 80% degli interventi nel 2018 e max 20% degli interventi nel 2019
Domande 2° finestra: 100% degli interventi nel 2019
 
Verifica intermedia cronoprogramma dei progetti della 1° finestra
Nel periodo compreso tra il 2° gennaio 2019 e il 15 gennaio 2019.
 
Termini per la rendicontazione
Domande 1° finestra: a partire dal 1 maggio 2019 ed entro e non oltre il 30 settembre 2019, e comunque entro e non oltre i 2 mesi successivi alla scadenza dei 10 mesi decorrenti dalla data del provvedimento di concessione del contributo
Domande 2° finestra: a partire dal 1 ottobre 2019 ed entro e non oltre il 28 febbraio 2020, e comunque entro e non oltre i 2 mesi successivi alla scadenza dei 10 mesi decorrenti dalla data del provvedimento di concessione del contributo.
 
Gli addetti del Servizio Credito e Incentivi di CONFARTIGIANATO sono a disposizione per informazioni, approfondimenti e per l’assistenza alla predisposizione delle domande.
 
-------------------------
Archivio: