Utilizziamo cookie tecnici e analitici e, previa manifestazione del consenso, cookie di profilazione di terze parti, per consentire la fruizione ottimale del sito. Per prestare il consenso, premere ok
Per maggiori informazioni o negare il consenso, LEGGERE QUI.
SABATO 16 MARZO ANCHE CONFARTIGIANATO ALLA MANIFESTAZIONE NAZIONALE DI RAVENNA PER DIFENDERE IL COMPARTO OIL & GAS - news - Confartigianato Ravenna

15.03.19: SABATO 16 MARZO ANCHE CONFARTIGIANATO ALLA MANIFESTAZIONE NAZIONALE DI RAVENNA PER DIFENDERE IL COMPARTO OIL & GAS - news

Anche Confartigianato Imprese sarà a Ravenna domattina, sabato 16 marzo, alla manifestazione nazionale indetta a Ravenna sostegno delle attività legate alla estrazione e produzione di gas naturale 'per l'energia italiana'. A rappresentare l'Associazione, alla manifestazione indetta in Piazza del Popolo alle ore 11, sarà il Vice Presidente nazionale Marco Granelli.
 
Da sempre, in Confartigianato c'è l'assoluta convinzione che vi possa essere un utilizzo responsabile delle risorse naturali. Ed una delle migliori testimonianze di questo, è proprio il territorio della provincia di Ravenna, con la sua costa, le sue pinete, le sue aree protette: da quando, decenni orsono, è iniziata l’estrazione delle risorse naturali, ogni comparto economico è cresciuto e nessuno ne ha tratto svantaggio. La riprova ne è un settore turistico le cui performances, positive o negative, non sono mai dipese dall’estrazione a mare del gas metano.
 
Oggi il metano è proprio il combustibile fossile meno impattante sull'ambiente, ed è universalmente considerato la migliore transizione verso le rinnovabili, che non sono ancora in grado, tecnologicamente ed economicamente, di soddisfare da sole il fabbisogno energetico italiano. Oggi, nonostante la perdurante crisi del settore, dovuta alle incertezze internazionali ed al relativamente basso costo del petrolio, il comparto dell’oil & gas italiano conta ancora su centinaia di imprese e decine di migliaia di occupati (oltre 6.000 addetti solo nel ravennate). Aziende e lavoratori di livello e di grande preparazione, con un know how che tutto il mondo spesso ci invidia.
 
L’Italia è da sempre in deficit per quanto riguarda il fabbisogno energetico e le nostre imprese scontano un handicap competitivo di un alto costo dell’energia, con ovvie conseguenze negative sulla competitività del nostro sistema produttivo nei confronti dei competitor internazionali. Come Confartigianato riteniamo quindi che il Paese non possa abbandonarsi alla demagogia e a decisioni che nulla hanno di scientifico. 
Sulla base di queste valutazioni, Confartigianato ha quindi deciso di essere a fianco di imprese e lavoratori per difendere il loro ed il nostro futuro.
 
 
Archivio: